Questo sito utilizza solo cookie tecnici per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Continuando la navigazione accetti la nostra Cookie Policy.
Fondata nel 1999

"Il Club Alpino Italiano è una libera associazione che ha per scopo l'alpinismo in ogni sua manifestazione, la conoscenza e lo studio delle montagne, specialmente di quelle Italiane, e la difesa del loro ambiente naturale"

Escursione del 5 dicembre 2021

Fonte del Vascello > Serra delle Ciavole

Info e adesioni: 339/8348455 - 340/9496652

Leggi o scarica il programma

CONCLUSA LA PRIMA FASE DEL 1° CORSO DI FORMAZIONE PER TITOLATI ASE/AE CALABRIA

Si è svolto nel fine settimana, a Lamezia Terme, la prima fase del 1° corso di formazione e verifica dedicato ad accompagnatori di escursionismo qualificati ASE e Titolati di 1° livello AE. Organizzato dall’OTTO escursionismo del Gruppo Regione Calabria del Club Alpino Italiano il corso ha visto la partecipazione di 30 allievi provenienti dalla Calabria, Sicilia e Basilicata e 10 relatori. Il corso, Diretto dall’ANE Liliana Chillè, si è sviluppato nell’arco di due giornate, nella prima sono stati trattati temi come la struttura, l’Etica, la Cultura della Montagna, la conoscenza e tutela dell’ambiente montano, responsabilità e assicurazione, prevenzione e soccorso, didattica e comunicazione, sistemi informativi del CAI; nella seconda, in ambiente, descrizione manovre di corda, nodi, simulazione di conduzione, orientamento, gestione emergenze, posa di corda fissa, lettura dell’ambiente e divulgazione. Argomenti particolarmente interessanti, che hanno coinvolto tutti i partecipanti al corso e che costituiscono la fondamentale base culturale della formazione dei titolati dell’escursionismo del Club Alpino Italiano a cui è affidato il compito, una volta conseguito il titolo, di trasmettere a tutti i soci, la filosofia dell’andare in montagna del Club Alpino Italiano. Una filosofia fondata da sempre sulla conoscenza, promozione e divulgazione dell’escursionismo ma soprattutto sulla consapevolezza che ciò deve avvenire nella massima sicurezza e nel pieno rispetto dell’ambiente montano.

Guarda le foto

Raccontatrekking

14 novembre 2021: Anello di Cozzo Pellegrino di Eugenio Iannelli

Ci ritroviamo dinanzi al rifugio di Piano di Lanzo con la felice sorpresa della sua completa ristrutturazione e consegna in gestione. Un rifugio che rappresenta un punto strategico per l’intero territorio e un ideale posto tappa per i camminatori del Sentiero Italia Calabria. Il meteo...

Raccontatrekking

7 novembre 2021: Anello Cozzo Palumbo di Mimmo Filomia

Non solo vette da scalare! Oggi, indirizziamo i nostri passi per riscoprire e rivalutare le origini e le mutazioni del proprio habitat, proveniente dal remoto. La filosofia del Club Alpino Italiano, è quella di dotare o far ricadere in ogni paese un proprio sentiero escursionistico laddove, storia, archeologia, santuari, lo rende tematico e quindi interessante per la sua frequentazione e conoscenza. Il sentiero che abbiamo percorso, conduce alle Grotte della Sirena...

Raccontatrekking

30 ottobre - 1 novembre 2021: Alla scoperta dei paesaggi tra Monti Simbruini e storia romana di Walter Bellizzi

Raggiunta Palestrina la sera del 29 ottobre il gruppo CAI di Castrovillari, guidato da Carla ed Eugenio, è stato accolto dal caloroso saluto del Presidente del CAI di Palestrina, Paolo. Tutti noi aspettavamo con ansia l’indomani per salire sul Monte Tarino (1961m)...

Raccontatrekking

24 ottobre 2021: Le Grotte di Castelcivita di Pasquale Aversente

“Storta va e diritta vena” con questo antico detto si può riassumere la giornata del 24 ottobre. Ma andiamo per ordine. In calendario c’era l’escursione al Monte Panormo e Monte Urto, un appuntamento molto atteso sia per bellezza e sia per il notevole spessore delle guide. Insomma c’erano tutte le premesse per vivere una domenica da incorniciare. Ma si sa la partita la domenica si gioca sempre in due, noi e il meteo...

SALVO IL DOLCEDORME

Ottenuta la rimozione del manufatto sulla vetta del Dolcedorme.

Nell’ambito della lotta agli incendi boschivi l’Ente Parco del Pollino sta realizzando un sistema di videosorveglianza per tutelare l’area del Dolcedorme che declina verso Castrovillari ed in particolare Italus e la faggeta vetusta del Pollinello recentemente riconosciuta come patrimonio UNESCO.

Purtroppo una delle posizioni scelte per il posizionamento di tali sistemi coincideva esattamente con la vetta del Dolcedorme, la cima più elevata del massiccio del Pollino, oltre che dell’Appennino meridionale, caratterizzato da una grandiosa e ripida parete, la più imponente dell’Italia meridionale. Allertati dai voli di un elicottero che scaricava materiale di grandi dimensioni sulla cima del Dolcedorme, e dalle foto circolate sui social, escursionisti e associazioni hanno prontamente chiesto delucidazioni all’Ente, che rispondeva con un comunicato in cui spiegava trattarsi di un “piccolo” pannello solare destinato all’alimentazione delle telecamere. Le foto però smentivano tale affermazione.

Di fronte quindi ai legittimi allarmi è stata convocata una riunione presso la sede del parco a cui hanno preso parte oltre ai funzionari del Parco e alla ditta aggiudicataria dei lavori, i referenti del Club Alpino Italiano Gruppo Regionale Calabria, dell’Associazione Guide Ufficiali del Parco, del Gruppo Speleo di Morano e del Soccorso Alpino di Calabria. Le associazioni si sono espresse unanimamente con diniego sulla scelta del posizionamento sulla vetta del Dolcedorme di un manufatto di quel genere, a maggior ragione se delle dimensioni riportate dalle immagini. Pertanto in ragione della particolare valenza paesaggistica del sito, è stato chiesto e ottenuto che l’impianto di avvistamento e telerilevamento sul Dolcedorme venga immediatamente dismesso, e sia effettuato il ripristino dello stato dei luoghi onde restituire al Dolcedorme la meritata sacralità e la inviolabilità della vetta. E’ stato chiesto inoltre la concreta attivazione di un tavolo di concertazione permanente che anticipi e risolva nel migliore dei modi le necessità di prevenzione e intervento in materia di frequentazione sostenibile, messa in sicurezza e tutela del territorio.

Si ringrazia il Parco del Pollino e il suo Presidente Domenico Pappaterra per aver accolto con sensibilità le istanze delle associazioni.

Mariarosaria D’Atri - Presidente GR CAI Calabria

Raccontatrekking

17 ottobre 2021: Direttissima al Monte La Caccia di Giuseppe De Luca

Se dovessi consigliare un visitatore di fuori che chiede di fare un'escursione nel Parco del Pollino probabilmente lo indirizzerei o lo accompagnerei su Monte La Caccia preferendolo a vette più blasonate. E' una montagna che ha tutto, in primis i panorami mozzafiato che si godono dalle sue creste. E' talmente vicino al mare che sembra ci si possa tuffare...

Raccontatrekking

3 ottobre 2021: Serra Crispo di Gaetano Cersosimo

Dopo un caloroso benvenuto ai soci presenti, tra cui alcuni delle sezioni CAI di Castellamare di Stabia, di Napoli e di Lagonegro e dei veterani della nostra sezione, salutiamo la prima uscita ufficiale del nostro nuovo presidente Mimmo Filomia. Un briefing dove desidero soffermarmi prima di ogni cosa sul ricordo dei nostri soci che purtroppo non possono piu camminare insieme a noi. Tra questi Ciro Mortati a cui, tutti gli anni, dedichiamo una escursione...

Raccontatrekking

19 settembre 2021: Alpinistica su Monte Cocuzzo di M. Serra & E. Torchia

Era martedì mattina quando Veronica e Gianmarco ci hanno inviato il programma dell’uscita, insieme ad alcune fotografie dell’escursione che risalivano a qualche anno prima. Dopo avere visto le fotografie e avere letto il programma ci è venuta subito voglia di aderire. Si trattava di una salita in stile alpino del Monte Cocuzzo (1541 metri) la cima più alta della catena costiera del Tirreno cosentino. Salita da effettuare legati in cordata. Era da tempo che desideravamo cimentarci in una risalita di questo tipo. ...

Raccontatrekking

18 settembre 2021: Montagnaterapia di Carla Primavera

Siamo usciti dai contesti chiusi e ci siamo spostati in un contesto naturale in cui la persona può recuperare un senso di fiducia in se stessa e negli altri, percependo un suo ruolo attivo e riscoprendo le proprie capacità e i propri sentimenti. La giornata del 18 settembre, patrocinata dal Comune di Castrovillari e con l’aiuto del Centro Servizi Volontariato, insieme agli amici degli Special Olimpics Calabria, Il Filo di Arianna, l’Associazione Famiglie Disabili e MeglioInsieme Castrovillari, non è stata solo questo....

Raccontatrekking

12 settembre 2021: Ercolano ed Oplontis di Carmen Belmonte

Sono trascorsi due anni dalla visita agli Scavi archeologici di Pompei e alla Villa dei Misteri ed eccoci qui, dopo la pausa d’Agosto, a riprendere le attività del CAI Castrovillari insieme al Gruppo Archeologico del Pollino, desiderosi di vivere emozioni e belle sensazioni facendo un tuffo nel passato. Partiamo in 22, alla volta degli Scavi Archeologici di Ercolano, dove ci accolgono le nostre guide e una bellissima giornata calda e soleggiata...

BRUCIA LA CALABRIA: IL CAI PRONTO A DARE UNA MANO NELLA RICOSTRUZIONE DEI SENTIERI

Il sistema montano è sotto attacco. Brucia la montagna, i sentieri e tutto ciò che ruota attorno al turismo verde. Tra caldo, incendiari e incuria il mix è perfetto per alimentari i roghi che ormai interessano tutto il territorio boschivo della Calabria. Il presidente regionale del Club Alpino Italiano, Mariarosaria D’Atri, parla di «patrimonio boschivo distrutto da mani criminali che continuano ad appiccare fuoco in una lotta diventata ormai impari». Il CAI segue «con apprensione e con profondo dolore – scrive il presidente regionale del sodalizio montano – l’immane catastrofe che ha purtroppo mietuto vittime e distrutto una parte significativa di habitat e di ecosistemi forestali, tra i più importanti nell’area mediterranea della nostra penisola. È stata mortalmente ferita la montagna, cuore pulsante dell’escursionismo, volano di un turismo ecosostenibile e responsabile che da anni, ma soprattutto in questo periodo di pandemia, ha dato e dona ossigeno agli imprenditori del settore e a tutta l’economia regionale· I soci del CAI «si stringono attorno alle comunità colpite, inermi e impotenti di fronte a questa catastrofe, e nel condannare, una volta di più, l’azione scellerata dei piromani, chiedono con forza alle Istituzioni che vengano accertate le responsabilità di questo disastro, proponendosi per un confronto costruttivo finalizzato all’individuazione delle azioni comuni da intraprendere per la prevenzione degli incendi boschivi, unica strategia per il contrasto del fenomeno. È un dovere, non solo per gli escursionisti, ma di tutti i cittadini, opporsi con tutte le proprie forze alla distruzione del patrimonio boschivo». Citando Papa Francesco che parla del creato come «dono che il Signore ci ha dato» il Club Alpino Italiano «è pronto – afferma il presidente D’Atri – come sempre, a dare il proprio contributo nella manutenzione e ricostruzione della rete sentieristica, tracciando i sentieri, e implementandone la segnaletica CAI, accatastandoli e trasferendoli sui moderni sistemi informatici, in modo che nessuna zona rimanga in ombra, abbandonata alla furia dei delinquenti incendiari. Senza dimenticare che la fruizione e la frequentazione escursionistica garantiscono un’azione di controllo del territorio al fine di evitare attacchi vandalici indiscriminati. Vogliamo ripartire subito, facendo di più, arrivando prima del fuoco. Noi siamo pronti».

Raccontatrekking

1/2 agosto 2021: Capanna Margherita di Martino Gianmarco

Notte di scambi gassosi tra cuore e polmoni in disfunzione, notte d’alterazione per gli impulsi elettrici che partono dal cuore, notte di transizione dalla fase aeriforme a quella liquida del respiro. Notte in cui Morfeo fa lo gnorri, visita solo a tratti. Notte di ...

Raccontatrekking

24 luglio 2021: Direttissima al Corno Grande del Gran Sasso di Gianmarco Martino

I sentieri e le vie che percorrono il Corno Grande si intersecano solo in parte, divergono in pendii, pareti e creste rocciose per poi ricongiungersi sotto la vetta. Portano numeri, 104 o 154, storie di donne e uomini: alcune volte i racconti coincidono, altre differiscono per poi, nuovamente, assomigliarsi ma non del tutto. Domenica mattina le raffiche da Ovest...

Consuntivo del 1° corso di avvicinamento alla speleologia di Carla Primavera

Dopo un anno e mezzo di pandemia, la Scuola Nazionale di Speleologia del Club Alpino Italiano, attraverso il suo Direttore Stefano Nicolini, riapre le attività didattiche e lo fa proprio nella nostra Calabria, organizzando, su idea della Sottosezione di Cerchiara di Calabria del CAI Castrovillari, un corso di avvicinamento alla speleologia. Presenti ben 11 Istruttori, provenienti dalla Sicilia e dalla Puglia, su 10 allievi iscritti...

Raccontatrekking

12 luglio 2021: Alba a Serra Crispo di Luana Macrini

L’esperienza dell’alba a Serra di Crispo ha qualcosa di magico e intenso, difficile da descrivere con le giuste parole, quelle che tracciano con attenzione e cura un’esperienza così densa e ricca di sfumature, ma proviamoci. Tutto ha avuto inizio dalla preparazione dello zaino e dal desiderio di andare oltre la stanza dei giorni quotidiani per lasciarsi avvolgere dall’incanto della notte, dal bagliore delle stelle, dalla suggestione della Via Lattea, dal desiderio di vivere le prime luci del nuovo giorno con gli “Dei del Pollino”...

DOMENICO FILOMIA NUOVO PRESIDENTE DELLA SEZIONE CAI DI CASTROVILLARI

Passaggio di consegne nella Sezione CAI di Castrovillari. Carla Primavera, ultimati i due mandati statutari, lascia il posto a Domenico Filomia insieme al nuovo Consiglio Direttivo e al Collegio dei Revisori dei Conti. Filomia, socio fondatore della Sezione, è dirigente del sodalizio sin dall’anno 2003 nella quale ha sempre rivestito il ruolo di segretario. Nel contempo è stato Presidente della commissione escursionismo sezionale, delegato all’Assemblea Regionale dei soci, membro del Gruppo Lavoro sentieri regionale e sezionale. Una grande esperienza maturata nel corso degli anni e che oggi pone al servizio della Sezione e del CAI nella veste di Presidente. Insieme a lui, rinnovato nella sua metà, il Consiglio Direttivo e il Collegio dei Revisori dei Conti. Affiancheranno il presidente i nuovi consiglieri F. Di Giano, G. Cersosimo, L. Cara (del Gruppo CAI Corigliano/Rossano), i veterani C. Primavera, M. Belmonte ed E. Iannelli; in qualità di revisori G. Romano, R. Alois, L. Macrini. Il neo Presidente, visibilmente emozionato, ha ringraziato il Presidente, i membri del Consiglio Direttivo e del Collegio dei Revisori dei Conti uscenti per il lavoro svolto e tutti i soci per la fiducia accordatagli, e nel porgere gli auguri di un proficuo lavoro a se stesso e a tutti i neo consiglieri eletti conferma l’impegno a continuare e migliorare il lavoro svolto dai suoi predecessori. Sottolinea, inoltre, il ruolo e la presenza femminile all'interno del sodalizio, auspicando una maggiore partecipazione delle donne, incoraggiandone la presenza nell'escursionismo, nell'arrampicata, nell'alpinismo. Punti fermi del suo mandato saranno la conoscenza, la promozione, la valorizzazione e la difesa dell’ambiente montano. Durante l’assemblea è stata consegnata al socio Eugenio Iannelli una targa ricordo per aver raggiunto il traguardo dei 25 anni di iscrizione al sodalizio. Un ringraziamento doveroso e particolare a un socio fondatore, presidente di Sezione per 5 mandati consecutivi e Consigliere Centrale in carica, sempre attivo e partecipe alla vita associativa.

Raccontatrekking

27 giugno 2021: "Le 5 principali vette del Pollino" di Chrystyan Filice

Intorno alle 7 partiamo da Colle dell'Impiso con il fantastico gruppo del CAI di Castrovillari e della sottosezione di Cerchiara di Calabria composto da: Maurizio, Pino, Veronica e Giuseppe verso la prima delle 5 vette della giornata. Dopo una bella salita di un paio di chilometri raggiungiamo ...

Raccontatrekking

20 giugno 2021: La Muletta, la piramide di San Sosti di Vincenzo Maratea

Oggi la meta della nostra escursione è La Muletta, la piramide di San Sosti. L'appuntamento con il gruppo è al bar "L'Incrocio", al bivio di San Donato di Ninea...

Raccontatrekking

13 giugno 2021: PNA - Gallicianò di Carla Primavera

L’Aspromonte è sempre stato nel nostro cuore. Non potevamo certo mancare questo appuntamento, nona edizione di "in CAMMINO nei PARCHI" organizzata dal CAI in collaborazione con Federparchi. Una giornata nazionale che racconta i territori e le popolazioni. Annullata nel 2020 per i motivi ormai noti a tutti noi, e ripresa, come organizzazione, dalla Sezione CAI di Reggio Calabria, questa giornata nazionale, in Calabria...

Claudio Zicari eletto proboviro nazionale del Club Alpino Italiano

L'avvocato castrovillarese Claudio Zicari è stato eletto alla carica di probiviro dall'Assemblea nazionale dei Delegati del Club Alpino Italiano. Una nomina che corona un impegno ultraventennale nel prestigioso sodalizio dagli importanti meriti nella storia dell’alpinismo nazionale ed internazionale, come nella tutela e valorizzazione degli ambienti naturali. Zicari socio fondatore e già vice presidente della Sezione di Castrovillari del Club Alpino Italiano, ha da sempre profuso particolare impegno nella promozione della conoscenza del patrimonio storico-naturalistico del territorio del Pollino secondo i principi etici e la metodologia organizzativa del Club Alpino Italiano e con tale carica la Calabria, dopo la nomina a Consigliere Centrale di Eugenio Iannelli, è ancora presente negli organismi nazionali del Club Alpino Italiano. Una nomina «molto gradita» che corrisponde ad un «importante lavoro di squadra e, quindi, dell’intera Sezione CAI di Castrovillari, con tutti i suoi Soci a cui mi sento molto legato, e del Gruppo Regionale Calabria in cui ho svolto il lavoro di Proboviro Regionale. Con il consueto spirito di servizio continuerò a dedicarmi, questa volta in un contesto nazionale, al mio lavoro di rigorosa applicazione della normativa nella serena consapevolezza di rappresentare una Calabria e un Sud Italia che impronta tutto il suo agire al rispetto delle leggi e alla tutela del Patrimonio Ambientale e Culturale - ha dichiarato Zicari dopo la nomina - Desidero precisare, comunque, che tale ruolo nazionale è per me particolarmente importante in quanto rafforza e dà ulteriore senso al mio legame con la natura e la montagna in particolare, per la quale ho sempre nutrito una grande passione; ho sempre svolto entusiasmanti escursioni sia in contesti appenninici che alpini, così come ho sempre praticato il trekking, anche per più giorni, in svariati ambienti naturalistici, lungo il mare come in alta quota, vivendo bellissime esperienze sia con i miei compagni di cammino sia per gli incontri con le persone, le tradizioni e le culture e, in particolare, con i segni della Storia dell’Uomo, che ogni luogo riserva disvelando un grande patrimonio di Umanità, di Natura, di Arte e di Bellezza. Da tali avvincenti attività ho tratto grandi benefici per il corpo, la mente e lo spirito e, in tutto questo, un ruolo importante e significativo lo ha sempre rivestito il Club Alpino Italiano con la sua attenta programmazione e scrupolosa organizzazione, che ha sempre consentito un approccio corretto e di grande rispetto per l’ambiente naturale e per i suoi delicati equilibri, di cui l’Uomo deve sempre sentirsi una piccola parte e mai l’assoluto e incontrastato protagonista, questi sono i valori in cui credo e che sorreggeranno il mio operato nella carica che l’Assemblea Nazionale mi ha onorato di conferirmi e che ringrazio per la fiducia che ha ritenuto di riporre nei mie confronti come un particolare ringraziamento voglio rivolgere a Maria Rosaria D’Atri, Presidente del Gruppo Regionale CAI Calabria e a Carla Primavera, Presidente della Sezione di Castrovillari».

Raccontatrekking

6 giugno 2021: Timpa di San Lorenzo di Eugenio Iannelli

Torniamo sulla “normale” della Timpa con un grande groppo in gola. Infatti l’ultima volta l’avevamo scalata in tutta la sua aerea lunghezza per festeggiare e omaggiare un grande alpinista quale era Franz Rota Nodari che il giorno prima, a Castrovillari, aveva tenuto ...

Raccontatrekking

30 maggio 2021: Monastero del Colloreto > Colle Gaudolino di Mimmo Filomia

Escursione da Colloreto a Gaudolino, frazione della tappa del Sentiero Italia 901 Morano Calabro - Gaudolino - Madonna del Pollino. Escursione con tanti partecipanti e condivisa con gli amici del Gruppo CAI Club Trekking di Corigliano/Rossano...

Raccontatrekking

23 maggio 2021: PNCVDA - Monte Stella di Gaetano Cersosimo

Finalmente ci siamo rimessi a camminare, seconda uscita dopo la pausa causa Covid. Nel suggestivo Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, siamo andati alla scoperta del Monte della Stella (1131m). Partiti da Perdifumo, un borgo situato nel Cilento Antico, che sorge su un convento dedicato a S. Arcangelo...

Dona il 5x1000 e il 2x1000 al CAI Castrovillari

E' una preziosa risorsa grazie alla quale possiamo svolgere le nostre attività al servizio dei soci, dei simpatizzanti e del territorio. Se condividi i nostri ideali e il nostro impegno nella prossima dichiarazione dei redditi sostienici, dona e fai donare il 5x1000 e il 2x1000 inserendo il nostro codice fiscale: 94005130789.

ELIA ORIGONI E GIAN LUCA GASCA SUL SENTIERO ITALIA CALABRIA

A distanza di poco più di 24 ore dal passaggio di Elia Origoni, escursionista che percorrerà tutte le tappe del Sentiero Italia "in solitaria", progetto patrocinato dal CAI (https://www.loscarpone.cai.it/sentiero-italia-cai-il-viaggio-in-solitaria-di-elia-origoni/), sabato 24 e domenica 25 aprile, accompagnato dai soci della Sezione di Castrovillari, tappa di Gian Luca Gasca sul Pollino per percorrere il Sentiero Italia che porta da Morano Calabro al Santuario della Madonna di Pollino. Un nuovo progetto sostenibile, “Linea 7000”, organizzato in collaborazione con Sentiero Italia CAI. Dopo il pernottamento nella Capanna di Colle Gaudolino, attraverso la Grande Porta del Pollino arrivo al Santuario, una bella giornata per immortalare i pini loricati e tutte le bellezze del Parco. Il nuovo progetto di Gian Luca Gasca prevede di raggiungere e lasciare i Parchi nei quali camminerà utilizzando unicamente i mezzi pubblici. Otto trekking lungo il Sentiero Italia CAI all’insegna della sostenibilità, con l’utilizzo dei soli mezzi pubblici per raggiungere il punto di partenza e per lasciare le montagne dopo l’arrivo alla meta. Un nome che richiama gli elementi base dell’iniziativa: la parola Linea evoca, appunto, gli itinerari dei trasporti pubblici che tutti conosciamo, mentre 7000 è il numero dei km del Sentiero Italia. Solo mezzi pubblici per raggiungere e lasciare le aree protette. I trekking interesseranno alcuni tra i principali Parchi nazionali italiani (Pollino, Foreste Casentinesi, Abruzzo, Majella, Gran Sasso, Sibillini, Val Grande, Gran Paradiso, Stelvio) e i Parchi regionali delle Alpi Apuane e dell’Etna. Gasca partirà ogni volta da città come Torino, Milano, Firenze, Roma, Napoli e Catania per raggiungere l’attacco dei sentieri unicamente con i mezzi pubblici. Ogni trekking durerà qualche giorno. Otto brevi documentari per raccontare l’esperienza Gasca, che è partito per il primo trekking sull’Etna l’8 aprile, incontrerà nel suo percorso diversi protagonisti della montagna di mezzo come Teresio Valsesia, Marika Ciaccia, Filippo Thiery e molti altri che lo aiuteranno a esplorare questo mondo. Questi incontri, che racconteranno la natura, la cultura e le tradizioni deiluoghi toccati dal Sentiero Italia, saranno raccolti in otto brevi documentari di una decina di minuti ciascuno, che saranno pubblicati sui canali del Sentiero Italia CAI. Questi confluiranno poi in un unico documentario finale dedicato proprio alla fruizione della montagna a basso impatto. «In ogni video – spiega Gian Luca – racconterò come da una delle principali città italiane sia possibile raggiungere le porte del Parco e intraprendere un’escursione di 1 o 2 giorni scoprendone luoghi suggestivi e affascinanti per poi quindi ritornare al punto di partenza senza aver toccato la macchina». Sensibilizzare all’uso dei mezzi pubblici per raggiungere la montagna Il documentario finale sarà la summa di tutte le esperienze, con spiegazioni su come prepararsi a un’esperienza in montagna con i mezzi pubblici, come velocizzare le operazioni di ricerca, quali potrebbero essere le potenziali difficoltà e quali invece i molti pregi di questa scelta. Continua Gian Luca: «vivere la montagna senza prendere l’auto sembra sempre complicato se si vive in città. Nell’immaginario collettivo spostarsi in quota con i mezzi pubblici implica tempo, sia nell’organizzazione che poi all’effettiva realizzazione, impossibile pensare a una gita giornaliera o a un fine settimana. Eppure, oggi, dai principalicentri italiani esistono collegamenti che in modo più o meno efficiente sono in grado di accompagnare gli appassionati verso le vallate alpine e appenniniche senza dover prendere l’automobile». Giornalista e collaboratore fisso di Meridiani Montagne e Montagna.tv, Gian Luca Gasca nel 2017 è partito da Torino per raggiungere il campo base del K2, a piedi e con i mezzi pubblici, mentre nel 2015, con il sostegno del Cai ha attraversato le Alpi da Trieste a Nizza, sempre muovendosi a piedi o con i mezzi pubblici e l’anno successivo, sempre insieme al Cai, ha ripetuto l’esperienza lungo la catena appenninica, andando dal Colle di Cadibona ai MontiNebrodi. Si potrà seguire il progetto sul sito, sulla pagina Facebook e sul profilo Instagram del Sentiero Italia CAI.

Proroga dei termini di tenuta delle Assemblee Sezionali

Il Comitato Centrale di Indirizzo e di Controllo (CC) del Club Alpino Italiano ha individuato e approvato disposizioni emergenziali in deroga sia in tema di termini per la tenuta delle Assemblee a distanza, sia in tema di prorogatio degli incarichi elettivi.

Raccontatrekking

7 marzo 2021: PNS - Montescuro > Macchia Sacra di Eugenio Iannelli

Considerato che a gennaio abbiamo dovuto rinunciare a diverse escursioni a causa del lockdown si è pensato di organizzare un gradito fuori programma sulla neve per trascorrere serenamente una giornata in montagna. Anche questa domenica la partenza...

Raccontatrekking

28 febbraio 2021: Cozzo Pellegrino di Eugenio Iannelli

Dopo circa un anno finalmente riusciamo a organizzare e portare a termine un’escursione alpinistica. Trovare il percorso adatto e le condizione migliori per l’utilizzo dei ramponi e della piccozza non è stato facile, vuoi per le condizioni meteo quasi primaverili ...

Raccontatrekking

21 febbraio 2021: Piano Scifarello di Carmen Belmonte

Appuntamento al solito posto e, come spesso capita, alla partenza da Castrovillari, ci accompagna un cielo nuvoloso, ma, come altrettanto spesso capita, arrivati a Campotenese, le nubi fanno spazio a un cielo terso...

Raccontatrekking

7 febbraio 2021: Belvedere de La Cresta di Mario Sammarco

Ben tornato CAI. Ebbene si! Ben tornato agli amici della sezione CAI di Castrovillari. Dopo una lunga ed estenuante pausa, dovuta a divieti, limitazioni d’infiniti decreti e normative, ecco finalmente la prima uscita ufficiale della nostra cara Sezione del nuovo anno. E’ bastata una..

NUOVO PROGRAMMA ATTIVITA' 2021

Pubblichiamo il nuovo Programma delle Attività 2021 in contemporanea con la somministrazione delle prime dosi di vaccino in Italia. Una coincidenza voluta che desidera rappresentare per gli Italiani la "Speranza" di un ritorno ad una vita normale di intensi rapporti interpersonali tra tutte le generazioni e di ripresa dell'economia dell'intero paese; per il CAI, ma soprattutto per la nostra Sezione, la "Ripresa" di tutte le attività che ci permetteranno di continuare a perpetuare quella meravigliosa consuetudine di frequentare le Nostre montagne.

Eugenio Iannelli eletto negli organi nazionali del Club Alpino Italiano.

Era dal 1863, data della fondazione del Club Alpino Italiano per opera di Quintino Sella insieme al cosentino Giovanni Barracco e Paolo e Giacinto di Saint Robert durante la celeberrima salita al Monviso, che non si parlava di un calabrese ai vertici del Club Alpino Italiano. Sabato 10 ottobre 2020, Eugenio Iannelli, per la prima volta dalla fondazione del Sodalizio è stato eletto negli organi nazionali del Club Alpino Italiano quale Consigliere Nazionale nel Comitato Centrale di Indirizzo e Controllo in rappresentanza delle Regioni del Comitato CMI (Centro Meridione e Isole). Un organo importante che esercita funzioni d’indirizzo politico-istituzionale; attua i compiti delegatigli dall’Assemblea dei Delegati; approva i programmi del Club Alpino Italiano da sottoporre alle deliberazioni dell’Assemblea dei Delegati; redige, collaziona e riordina le proposte di modifica dello statuto; adotta il regolamento generale per l’attuazione dello statuto; approva l’ordinamento di ogni struttura periferica del Club Alpino Italiano e altro ancora. Eugenio Iannelli, fondatore della Sezione CAI di Castrovillari, escursionista e alpinista, unico castrovillarese ad aver scalato il Monte Bianco (4810 metri), ha al suo attivo la salita a 10 cime oltre i 4000 metri, oltre a numerose ascese sui diversi monti d’Italia, affrontato ferrate importanti come la Ricci, Ventricini e la Danesi al Corno Piccolo del Gran Sasso e naturalmente una vasta esperienza di salite e percorsi escursionistici nel Parco Nazionale del Pollino. Oltre che per 15 anni Presidente di Sezione ha svolto ruoli di Vice Presidente Regionale, di Consigliere Regionale, Segretario Regionale. Attualmente ricopre l’incarico di Presidente della Commissione Regionale OTTO escursionismo del Gruppo Regionale della Calabria. Una vasta esperienza costruita in tanti anni d’impegno e dedizione alle montagne, alla natura, all’ambiente a servizio del Sodalizio e dei Soci. Iannelli si è dichiarato orgoglioso e felice di questo riconoscimento ottenuto grazie al sostegno unanime alla sua candidatura di tutte le Regioni del Sud. Un grande risultato per la Calabria che parte da lontano, ovvero da uno straordinario lavoro collegiale che ha visto protagonisti il Gruppo Regionale, i Presidenti di Sezione e tutti i soci della Calabria che con grande affiatamento e coesione hanno svolto, negli anni, una meritevole attività che non è passata inosservata, dimostrando grande competenza, lavoro volontaristico, spirito di gruppo e dedizione al CAI.

Raccontatrekking

1 novembre 2020: Caramolo dal “Portone” di Pasquale Aversente

Sarà stata una semplice coincidenza o chi ha stilato il calendario 2020 lo ha fatto di proposito, ma mai uscita organizzata dal CAI di Castrovillari è stata così azzeccata come questa. Sì, poiché, tra il 31 ottobre e il 1 novembre si celebra il “ Capodanno Celtico” che prende il nome di “ Samhain”, considerato una “porta” tra il mondo dei vivi e quello dei morti, il giorno più magico dell’anno, il “giorno che non esiste”...

Raccontatrekking

25 ottobre 2020: Colle Dell’Impiso - Monte Pollino di Mimmo Filomia

Con poche proverbiali parole “chi la dura la vince” e poi, “escursione bagnata escursione fortunata”, ma soprattutto con determinazione, ci troviamo all’appuntamento previsto con gli amici, a Colle Impiso (Viggianello). Diciamo che oggi abbiamo piegato il meteo a nostro favore,...

Raccontatrekking

18 ottobre 2020: Pietrapaola, trekking urbano di Pino Salerno

Un’escursione che non possiamo catalogare in un modo specifico avendo assolto i canoni escursionistici, turistici, culturali, archeologici, storici e gastronomici. Un gruppo composto di soci della Sezione di Castrovillari, del Gruppo CAI Club Trekking Corigliano/Rossano, della Sottosezione di Cerchiara di Calabria e della Sezione di Catanzaro alla scoperta di Pietrapaola, un piccolo paese che spazia però dal mare alla Sila Greca e che si erge su una collina ai cui lati scorrono due torrenti in altrettante gole profonde,...

Raccontatrekking

13 settembre 2020: Serra Dolcedorme di Mimmo Filomia

Domenica sostituzione libro di vetta con CAI Castrovillari e Gruppo CAI Trekking Corigliano/Rossano. Scende a valle nell’archivio della Sezione CAI Castrovillari, il libro di vetta collocato in cima al Dolcedorme (2267 m) già nel 2002. Il consuntivo, del sesto aggiornamento, ...

Raccontatrekking

6 settembre 2020: L’anello dei piani in mountain bike di Cosimo Damiano Monaco

E dopo una lunga attesa, finalmente questo benedetto giorno è arrivato! Sette bikers, ognuno con la sua tutina, caschetto e occhiali da sole, di buon mattino...

Raccontatrekking

6 agosto 2020: Punta Castore (4225m) sul Monte Rosa di Carla Primavera

In questo periodo di forti incertezze sanitarie molti hanno rinunciato alla nostra “solita” uscita sulle Alpi, ma, forse proprio questo meccanismo di reazione, che si innesca quando subiamo una pressione psicologica, ci ha indotto a non mollare e partire. In tre, numero perfetto anche per una cordata...

Raccontatrekking

19 luglio 2020: Croce dei Laghi PNS di Eugenio Iannelli

L’escursione odierna, organizzata da Luigi e Lorenzo del gruppo CAI Corigliano /Rossano afferente alla nostra Sezione, ci permette di visitare l’Altopiano Silano e la zona di Lorica e dei laghi. Da sottolineare che oggi vi era in programma anche una escursione della Sottosezione di Cerchiara di Calabria con meta agli “Alberi serpente” nel Piano di Acquafredda. ...

Raccontatrekking

28 giugno 2020: Monte Ciagola di Eugenio Iannelli

Partenza da Laino Borgo per poi raggiungere la località Angritano di Laino Castello (un villaggio di poche case a quota 750 m) e intraprendere una carrareccia, utile agli abitanti del luogo per coltivare i campi. Gruppo di escursionisti numeroso...

Raccontatrekking

21 giugno 2020: Coppola di Paola di Carla Primavera

La parola lockdown, termine anglosassone sconosciuto ai più fino a febbraio 2020, ha "recluso" le nostre vite per tre interminabili mesi. Mai, a memoria, un periodo più triste e buio. La nostra libertà annientata. Poi la fase 2, in cui si sperimentano modalità e tempi di ripresa, il momento in cui il Paese si riorganizza. La fase 3 invece...

News

Attivizione gratuita del sistema GeoResQ

Si comunica che il Comitato Direttivo Centrale, condividendo la proposta con il Comitato Centrale di Indirizzo e Controllo, ha deciso di offrire a tutti i Soci un importante servizio nell’ambito della sicurezza in montagna. Dal 1° gennaio 2017, infatti, il sistema GeoResQ, sarà utilizzabile gratuitamente da tutti i Soci del Club Alpino Italiano, in regola con il pagamento della quota associativa annuale senza alcun onere aggiuntivo. GeoResQ è stato sviluppato ed è gestito dal Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (Sezione Nazionale del nostro Sodalizio) e non è una semplice APP di tracciamento; GeoResQ è infatti pensato e realizzato con l’obbiettivo di consentire una risposta più rapida ed efficace della macchina dei soccorsi in caso di necessità. L’APP è disponibile sugli store dei vari sistemi operativi (Android, iPhone e Windows Phone), si installa su smartphone, è poco invasiva ed offre funzioni chiare e intuitive (Posizione, Tracciami, Seguimi e Allarme). Il cuore del sistema è la sua Centrale Operativa dedicata, attiva sette giorni su sette e 24 ore su 24, collegata con i servizi regionali del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico e del 118/112. Per installare gratuitamente l’APP il Socio dovrà semplicemente registrarsi sul sito www.georesq.it e sull’APP, scaricandola dallo store corrispondente al sistema operativo del proprio smartphone, da qui una funzionalità appositamente realizzata verificherà automaticamente - tramite l’inserimento del proprio Codice Fiscale – l’avvenuta iscrizione al Sodalizio e quindi la possibilità di attivazione gratuita del servizio. Per qualsiasi chiarimento ed ulteriori informazioni sull’attivazione del servizio GeoResQ o sulle sue funzionalità le Sezioni e i Soci potranno scrivere al seguente indirizzo e-mail: info@georesq.it.

News

Riedita la carta topografica del Pollino con la prima Rete sentieristica completa del Parco nazionale del Pollino. Carta generale 1:90.000 con carta di dettaglio in scala 1:35.000.

La Sezione di Castrovillari del Club Alpino Italiano ha dato alle stampe una nuova carta dei sentieri del Parco nazionale del Pollino. La carta è stata realizzata dalla Acalandros Map Design in partnership con il CAI. La carta si propone con due tavole.......

La carta può essere richiesta alla Sezione che avrà cura di spedirla se necessario (tel. 334.1005054 - caicastrovillari@tin.it).

Vita di Sezione

Mostra fotografica: i Pionieri del Pollino

Sin dai tempi della dominazione borbonica, il Pollino fu reiteratamente visitato e studiato nel corso degli anni, ma è quanto mai doveroso tramandare ai più giovani e rimarcare alla gente più matura, la volontà tenace, gli sforzi e la passione di pochi “Giovani Pionieri” che ebbero il merito di porre il tema della conoscenza e della valorizzazione della nostra splendida Montagna frequentandola assiduamente. Per fare ciò il CAI Castrovillari ha realizzato, nell'anniversario del decennale della sua costituzione, una affascinante e importante mostra fotografica che oggi mette a disposizione di tutti ....

<Leggi tutto e guarda la mostra fotografica

Rifugio Biagio Longo

Nel sito potrete trovare dettagliate informazioni sull’unico rifugio del Club Alpino Italiano nel “Parco Nazionale del Pollino” ed in Calabria. Intitolato al grande botanico Biagio Longo (che determinò, fra l’altro, scientificamente il pino loricato, simbolo del Parco), sorge su piano Campolongo a poco più di mille metri di quota. Visitando le pagine del sito ed attraverso le molteplici immagini in esso contenute potrete valutare ...


Vai al sito